torna a elenco completo pubblicazioni
Miletto Enrico e Pischedda Carlo

Torino 1938|45. I luoghi della memoria

La città delle fabbriche

Istoreto - Multimedia, 2004

Un itinerario tematico nel paesaggio urbano della Torino del Novecento che amplia la struttura del progetto Torino 1938/1945: una guida per la memoria.
E’ una ricerca che prende in considerazione le principali fabbriche cittadine durante il periodo della seconda guerra mondiale.
Il percorso multimediale Torino 1938|1945. La città delle fabbriche sviluppa sul versante che riguarda il mondo del lavoro la ricerca presentata in Torino 1938|1945. Una guida per la memoria. La città delle leggi razziali, della guerra, della resistenza, della deportazione, della liberazione, (Blu Edizioni, Torino, 2003).
Il lavoro presenta una sintetica introduzione dedicata ai lavoratori torinesi, il mutare delle condizioni di vita e di lavoro durante la guerra e il progressivo emergere dal marzo 1943 di un crescente protagonismo operaio attraverso le agitazioni, gli scioperi e l’affermarsi di un antifascismo politico legato alla fabbrica che caratterizzerà le vicende della città nell’ultima fase della guerra e si proietterà negli anni della ricostruzione.
Segue un corpus di schede relative a 33 fabbriche, le più importanti, supportate da una mappa topografica interattiva, da fotografie, manifesti, cronologie, statistiche, testimonianze.
Le schede, oltre che fornire il maggior numero di notizie relative alle singole industrie (data di fondazione, tipologie di produzione, numero delle maestranze impiegate), presentano anch’esse riferimenti alle lotte operaie, che a partire dal 1943 coinvolgono i lavoratori di quasi tutti gli stabilimenti cittadini, e ai legami con il movimento resistenziale torinese. Le fabbriche in quegli anni divengono il luogo privilegiato di crescita su una scala di massa dell’antifascismo cittadino.

La città delle fabbriche

 

Miletto Enrico: Lavora come ricercatore presso l’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea “Giorgio Agosti” e la Fondazione Vera Nocentini. Autore di studi e ricerche sulla storia di Torino operaia, si occupa delle vicende legate all’esodo istriano e al confine orientale d’Italia.

Torino 1938|45. I luoghi della memoria 
disponibile presso Istoreto

Questo sito web utilizza i cookie per le statistiche e per personalizzare la navigazione. Scopri come disattivare o cancellare i cookies di eventuali terze parti non installati direttamente sul sito Disabilito

Le impostazioni di questo sito web sono predisposte per "permettere ai cookie" di offrirvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continuate nella navigazione senza modificare le vostre impostazioni dei cookie o cliccate sul pulsante "accetto" più in basso, allora acconsentite alla suddetta "cookie policy".
E' possibile disattivare o cancellare i cookies di eventuali terze parti non installati direttamente sul sito alla pagina Privacy e cookie policy

Chiudi

Con il contributo di