torna a elenco completo pubblicazioni
Pecchenino Cristian

Gli IMI di Zeithain

Storia e memoria del Lazarettlager dello Stalag IV B Mühlberg

Boves (CN), ArabAFenice, 2019

Zeithain, Sassonia, ottobre 1943: in un Lager in cui sono morti già migliaia di prigionieri sovietici, giungono alcune tradotte con feriti, malati e personale medico italiano catturati dalla Wehrmacht dopo l’8 settembre.
Presto si uniscono a loro altre migliaia di ex soldati italiani, brutalmente logorati dal lavoro coatto nelle fabbriche e nelle miniere del Reich.
Per i tedeschi è un ‘ospedale militare’: per oltre 800 IMI sarà un Lager di morte per fame e TBC.
La ricerca – che propone un elenco rivisto dei caduti e utilizza fonti inedite – ricostruisce una vicenda di resistenza e testimonianza ‘con i corpi’ pagata a caro prezzo e a lungo poco ricordata.

  

Pecchenino Cristian: Nato a Torino nel 1973, dottore di ricerca e archivista, si occupa di storia della deportazione politica e razziale e dell’internamento militare. Coautore di "Seicentomila no. La Resistenza degli internati militari italiani" (2014), per Istoreto ha collaborato alla banca dati "Archivio della deportazione piemontese", alla cura di F.F. Frisone, "Binario morto. Diario di un pittore internato..."(2015) e al vol. "Operai, fabbrica, Resistenza" (Fondazione Di Vittorio, 2017). Conduce inoltre laboratori didattici nel progetto Stolpersteine - Pietre d’inciampo ed è co-curatore della banca dati "Scioperi nella Resistenza".

Gli IMI di ZeithainIstoreto
pp. 279
21 €
disponibile presso Istoreto

Questo sito web utilizza i cookie per le statistiche e per personalizzare la navigazione. Scopri come disattivare o cancellare i cookies di eventuali terze parti non installati direttamente sul sito Disabilito

Le impostazioni di questo sito web sono predisposte per "permettere ai cookie" di offrirvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continuate nella navigazione senza modificare le vostre impostazioni dei cookie o cliccate sul pulsante "accetto" più in basso, allora acconsentite alla suddetta "cookie policy".
E' possibile disattivare o cancellare i cookies di eventuali terze parti non installati direttamente sul sito alla pagina Privacy e cookie policy

Chiudi

Con il contributo di