torna a elenco completo pubblicazioni
Davide Mario

Una scelta partigiana

Diario dopo l'8 settembre 1943

Torino, SEB 27, 2005

Tra i milioni di italiani, militari o civili, travolti dall'8 settembre 1943, c'è chi opta per la strada dell'assunzione di responsabilità; l'esercito è allo sbando, i tedeschi tentano di bloccare la dispersione delle truppe italiane e l'organizzazione di sacche di resistenza all'occupazione.
Mario Davide giunge così alla scelta della lotta partigiana forse lentamente maturata al fronte, nei lunghi momenti che seguono l'annuncio della "pace incondizionata" e poi rapidamente assunta, una volta a casa, di fronte al crollo definitivo di un regime, di una classe dirigente, di uno stato.

L'intervento di Nuto Revelli approfondisce la riflessione, che nel Diario del "contadino-operaio-soldato" è mascherata dall'immediatezza e dall'urgenza dello stile, e ne porta a galla la rilevanza di testimonianza storica che esula dai tradizionali percorsi storiografici per diventare viva memoria di come un popolo ha riscattato la propria libertà e progettato il proprio futuro democratico.

Una testimonianza tra le tante di quei giorni, che attraverso il racconto di un caso individuale aiuta a capire l'8 settembre non solo nella dimensione di un'esperienza soggettiva, ma anche in quella più generale delle ragioni di una scelta.

  

Davide Mario: Nato da una famiglia contadina di Piossasco (To), arruolato come Alpino durante l'ultimo conflitto mondiale, dopo l'8 settembre 1943 aderisce alla lotta di liberazione nei gruppi della Val Sangone. Le pagine del suo Diario testimoniano proprio la maturazione e le fasi organizzative di questa sua "scelta partigiana"; appena una quindicina di giorni, dall'entusiasmo per l'annuncio dell'armistizio al disorientamento e alla ribellione spontanea ai propri superiori che ne segue, dall'ansia in attesa del confronto con i militari tedeschi al ritorno a casa per organizzare la Resistenza. Il testo qui presentato è dovuto al puntuale lavoro del Gruppo di ricerca sulla storia e la cultura popolare di Piossasco, coordinato nel 1982 da Daniele Jallà.

Una scelta partigianaSegni parole voci
pp. 80
disponibile presso Istoreto

Questo sito web utilizza i cookie per le statistiche e per personalizzare la navigazione. Scopri come disattivare o cancellare i cookies di eventuali terze parti non installati direttamente sul sito Disabilito

Le impostazioni di questo sito web sono predisposte per "permettere ai cookie" di offrirvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continuate nella navigazione senza modificare le vostre impostazioni dei cookie o cliccate sul pulsante "accetto" più in basso, allora acconsentite alla suddetta "cookie policy".
E' possibile disattivare o cancellare i cookies di eventuali terze parti non installati direttamente sul sito alla pagina Privacy e cookie policy

Chiudi

Con il contributo di