torna a catalogo: FrancoAngeli
Santangelo Vincenzo

Le Muse del popolo. Storia dell'Arci a Torino, 1957-1967

Milano, FrancoAngeli, 2007

Da un lato una marcata autonomia dallo Stato e dai partiti politici, anche dal Pci. Dall’altro il tentativo di elaborare nuovi canali di diffusione della cultura. Entro questi due termini si snoda la storia dell’Associazione ricreativa culturale italiana (Arci) di Torino, nei suoi primi dieci anni di vita. Il libro ne racconta gli esordi, negli “anni duri” della guerra fredda e i successivi sviluppi, in connessione con quelli del “miracolo economico” e della diffusione dei consumi di massa, ma anche il ruolo svolto su un terreno di grande importanza come quello del tempo libero durante la “grande trasformazione” del Paese.
In una Torino, inconsueta e poco nota, con la Fiat per una volta sullo sfondo, la scena principale è animata da personalità del mondo della cultura che nell’Arci alimentarono nuovi fermenti del cinema e del teatro, della musica e delle arti figurative, contribuendo a ridurre la separatezza tra le diverse componenti sociali della città.

  

Santangelo Vincenzo: Ricercatore presso l’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea 'Giorgio Agosti', si occupa di storia politica e sociale del Novecento. Ha pubblicato anche Amministratori, funzionari di partito e quadri dirigenti: il Pci a Torino e in provincia. 1946-1970, in B. Maida (a cura di), Alla ricerca della simmetria: il Pci a Torino, 1945-1991, Torino, Rosenbeg & Sellier 2004.

Le Muse del popolo. Storia dell'Arci a Torino, 1957-1967Studi e Documenti
pp. 285
disponibile presso Istoreto

Questo sito web utilizza i cookie per le statistiche e per personalizzare la navigazione. Scopri come disattivare o cancellare i cookies di eventuali terze parti non installati direttamente sul sito Disabilito

Le impostazioni di questo sito web sono predisposte per "permettere ai cookie" di offrirvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continuate nella navigazione senza modificare le vostre impostazioni dei cookie o cliccate sul pulsante "accetto" più in basso, allora acconsentite alla suddetta "cookie policy".
E' possibile disattivare o cancellare i cookies di eventuali terze parti non installati direttamente sul sito alla pagina Privacy e cookie policy

Chiudi

Con il contributo di