stampa chiudi questa finestra
stampa chiudi
 
  Piazza Carlina (tram: 13-15 bus: 55-56-61-68)

 

Via Maria Vittoria: i cancelli del vecchio ghetto
Via Maria Vittoria: i cancelli del vecchio ghetto

Nel momento in cui l'ondata persecutoria stava per avviarsi, le mura del vecchio ghetto costituirono - per l'ebraismo torinese - un centro simbolico, paragonabile al portico d'Ottavia di Roma o alla triestina via del Monte.
Da piazza Carlina ci si era staccati con il trascorrere dei decenni, ma lungo la contigua via Po e per tutta la lunghezza delle strade (via San Francesco da Paola, via dell'Accademia, via San Massimo, via Fratelli Calandra) che vanno in direzione di Porta Nuova o sconfinano nel quartiere dove, nel 1884, era sorta la Sinagoga, risiedevano o lavoravano ancora commercianti e piccoli artigiani ebrei mai allontanatisi dai recinti del ghetto. In un piccolo gabbiotto addossato a una colonna del porticato di via Po, per esempio riparava orologi il padre di Walter Rossi, che sarà uno dei giovani ebrei caduti nella lotta di liberazione. Nella non lontana via Mazzini, e soprattutto in via San Francesco da Paola, alla vigilia delle leggi razziali, abitavano le due famiglie che rifornivano la comunità di carne macellata secondo il procedimento della schechità. In via Mazzini abitava la famiglia Grossman, mentre in una casa del vecchio ghetto, in via San Francesco da Paola (angolo via Maria Vittoria), si trovava il negozio di Claudio Pescarolo (detto Parin), dove venivano messi in vendita gustosissimi salami d'oca, oltre a oggetti religiosi e libri di preghiera. Claudio Pescarolo fu arrestato il 24 giugno 1944 e deportato ad Auschwitz, da dove non fece ritorno. Dopo la Liberazione il negozio si trasformò in macelleria De Andrea-Gambotto e diventerà la ditta fornitrice della comunità.

Il vecchio ghetto di  Piazza Carlina
Il vecchio ghetto di Piazza Carlina

Nel 1938, come in parte anche oggi, la superficie della piazza era occupata dai banconi del mercato, residuo del "cortile dei miracoli" che era stato nel Settecento e nell'Ottocento. Attorno a questa piazza, "come lumache al guscio", nuclei famigliari appartenenti ad un ceto sociale più basso dei correligionari andati ad esplorare altri quartieri avevano ancora la loro residenza. Il luogo, apparentemente, era sicuro. Lo diventerà un po' meno quando la caserma Bergia, situata lungo uno dei lati della piazza diventerà il comando della Guardia Repubblicana. In mezzo al mercato, sul finire del 1943, e per larga parte dell'anno successivo, si noterà una bancarella che terrà esposti libri, spartiti musicali, libretti d'opera già appartenuti alla titolare dell'antica Cartoleria Centrale di via Po, 18 (nel '44 sfollata dalle parti di Pinerolo). Prima di partire aveva affidato le sue cose ad un vecchio suo conoscente. Nel dicembre del '43, la vetrina del suo negozio era andata in frantumi per una sassata o una bomba esplosa nelle vicinanze.
Nella topografia dell'ebraismo torinese, il centro è costituito da questa piazza, che reca visibili i segni del ghetto nell'edificio che fa angolo con via des Ambrois, dove, a parità di altezza, sono sovrapposti quattro piani più un ammezzato (contro i due-tre piani delle case confinanti).
 

 
© 2000-2002 
chiudi