Tipologie documentali

Archivio fotografico

Oltre al nucleo originario, numerosi sono i fondi successivamente acquisiti:

  • Fondo Agosti Giorgio
  • Fondo Anton Coda Dante: è costituito da circa 300 fotografie
  • Fondo Associazione famiglie martiri e caduti per la libertà: 2010 schede di caduti corredate di fotografia.
  • Fondo Bandiere dei Lavoratori. Circa 200 immagini. Raccolta di fotografie delle bandiere che appartenero ad organizzazioni politiche e sindacali, esposte nella mostra “Un’altra Italia nelle bandiere dei lavoratori”, inaugurata il 14 marzo 1981 a Torino. Le bandiere italiane erano già state esposte a Roma come trofeo nella Mostra della Rivoluzione Fascista (Mrf) nel 1932, in occasione del decimo anniversario della marcia su Roma.
  • Fondo Barton Paul (Paolo Buffa). 70 Fotografie partigiane che documentano la missione della Brigata Rosselli comandata da Renato Aimo nel passaggio attraverso le Alpi tra Francia e Italia.
  • Fondo Bergamasco Domenico
  • Fondo Bernasconi Angiolina. Fotografie e stato di servizio del colonnello Cesare Bernasconi.
  • Fondo Berra Gabriele: nel fondo sono presenti due fascicoli di documenti fotografici sulla liberazione di Torino e ritratti di caduti partigiani.
  • Fondo Berruto Giuseppe. 1000 negativi riguardanti riproduzioni di fotografie sulla seconda guerra mondiale e la deportazione.
  • Fondo Bertot Federico e Maria: fascicolo di fotografie (11) sulla liberazione di Ivrea
  • Fondo Bolaffi Giulio. Serie fotografica di partigiani appartenenti alla 4ª divisione Gl in Valle di Susa e a Torino dopo la liberazione.
  • Fondo Brosio Edoardo. 15 fotografie scattate da Edoardo Brosio il 6 maggio 1945 nel corso della grande manifestazione svoltasi a Torino per la liberazione.
  • Fondo Buozzi Orlando: fascicolo di fotografie (5) sullo sciopero di operai metallurgici a Milano del 1919.
  • Fondo Carli Bruno. Serie fotografica di circa 500 documenti sulla costituzione delle prime bande Carlo Carli.
  • Fondo Castiglioni Luisa. Fotografie personali di Germano Facetti (8).
  • Fondo Celentano Domenico. Piccola serie sulla liberazione di Torino.
  • Fondo Comollo Gustavo. Album fotografico sulle 104ª e 177ª Brg. Garibaldi (104 fotografie).
  • Fondo Conti Agostino. Il fondo raccoglie circa 200 foto sulle formazioni Matteotti e sulla città di Torino durante la Resistenza.
  • Fondo Cosa Piero e Francesca. Serie fotografica (28 fotografie) sulle divisioni autonome Rinnovamento.
  • Fondo Dalmazzo Faustino. 187 fotografie che documentano la sfilata partigiana del 6 maggio 1945 a Cuneo.
  • Fondo Dal Mas Odino. 900 fotografie sulla Resistenza nelle valli Susa e Sangone.
  • Fondo Damico Vito (339 fotografie, negativi e provini a stampa)
  • Fondo Facetti Germano : l’archivio di lavoro costituito da oltre 30.000 immagini, prevalentemente fotografiche, testimonia la continuità della sua passione per documentare la violenza del Novecento, all’interno stesso della sua attività professionale.
    Da quanto emerge da una prima ricognizione l’archivio si presenta per la maggior parte organizzato in serie già definite, la cui intitolazione può essere individuata sulla base del personale criterio di classificazione applicato da Facetti per indicare i principali nuclei documentari che ne costituiscono il contenuto.
  • Fondo Garelli Giuseppe. Oltre 3000 fotografie provenienti dall’archivio della redazione torinese del quotidiano “l’Unità” e dall’Ufficio stampa e propaganda della Federazione torinese del Pci, tra il 1945 e il 1989.
  • Fondo Grosa Nicola. Provini e fotografie.
  • Fondo Isrp, fascicolo Insurrezione in Piemonte. Album fotografico che documenta il convegno “Insurrezione in Piemonte” del 1985 organizzato dall’Isrp in occasione del 40° anniversario della Liberazione.
  • Fondo La Lunga Liberazione. 225 immagini. Il fondo raccoglie il materiale fotografico scelto e proposto in occasione della mostra “La lunga Liberazione. Chiaroscuri: i volti della Liberazione” a Torino, 22 aprile – 27 novembre 2005.
  • Fondo Lalli Vincenzo. Il fondo raccoglie documenti relativi al periodo della presidenza di Vincenzo (Enzo) Lalli nell’Associazione ricreativa culturale italiana (Arci).
  • Fondo Lejenne Giovanni. Fotografie e documenti personali relativi alla Resistenza nella 7ª divisione GL.
  • Fondo Loewenthal Enrico. Documenti in copia e fotografie riguardanti l’attività svolta nel movimento partigiano da Enrico Loewenthal nelle Valli di Lanzo e in Valle d’Aosta.
  • Fondo Leoni Bruno: copia fotostatica di 4 fotografie scattate nel 1950 a Londra per celebrazioni
  • Fondo Malan Frida: Il fondo consta anche di oltre 250 fotografie, che attestano sia momenti di vita familiare sia la partecipazione a eventi pubblici.
  • Fondo Mantelli Bruno. Fotografie che riproducono documenti conservati presso The American Historical Association Committee for the study of war documents and the National Archives and Records Service di Washington.
  • Fondo Marcora Giovanni. Provini e fotografie (214) sulla resa tedesca nel novarese e sulla sfilata partigiana del 6 maggio 1945 a Milano.
  • Fondo Mautino Felice (Monti). 331 fotografie raccolte da Mautino, comandante della 7ª divisione Gl sulla resistenza nelle valli di Lanzo, nel Canavese, e in Valle d’Aosta.
  • Fondo Mengani Chiara Lucia (Franco Balbis): nel fondo un album fotografico “La mia vita” di Franco Balbis (150 fotografie).
  • Fondo Minetto Renzo e Ada: interessante raccolta fotografica sulle formazioni partigiane Gl operanti in Val Maira e in Val Varaita e su manifestazioni organizzate da associazioni partigiane e municipalità del Cuneese dopo la liberazione.
  • Fondo Miletto Enrico: fondo di ricerca costituito da materiale iconografico e d’archivio sul tema dell’esodo istriano-fiumano-dalmata in Piemonte. Oltre 200 riproduzioni digitalizzate di immagini fotografiche provenienti da diversi archivi piemontesi pubblici e privati.
  • Fondo Moriondo Teresa. Il fondo raccoglie oltre 500 fotografie riguardanti la città di Venaria Reale e delle Valli di Lanzo durante il periodo resistenziale.
  • Fondo Mostra dell’Esercito. 241 fotografie suddivise in quattro nuclei tematici: l’armistizio, il Primo raggruppamento motorizzato, il Corpo italiano di liberazione, i gruppi di combattimento.
  • Fondo Museo del Risorgimento: fascicolo di documentazione fotografica su aviolanci.
  • Fondo Novara Faustino (fascicolo contenente 4 documenti fotografici).
  • Fondo Novascone Elio ed Ezio. 400 fotografie sulla Resistenza Canavesana.
  • Fondo Oliva Elsa. Il fondo comprende una raccolta fotografica di circa 50 immagini.
  • Fondo Ombra Marisa. (5 foto)
  • Fondo Paglieri Enzo Raimondo: documentazione fotografica relativa alla liberazione di Asti.
  • Fondo Partito Liberale Italiano – Federazione piemontese. Circa 730 immagini fotografiche.
  • Fondo Poma Anello. 19 fotografie sulla Liberazione della città di Biella.
  • Fondo Ranghino Sergio. 110 immagini.
  • Fondo Resistenza nelle Langhe.Il fondo è costituito da riproduzioni di fotografie (64 foto) e documenti riguardanti la Resistenza nelle Langhe, provenienti in parte dall’archivio comunale di Alba.
  • Fondo Resistenza nelle Valli di Lanzo.
  • Fondo Rigassio Angelo. Il piccolo fondo raccoglie documenti fotografici di Angelo Rigassio, partigiano della 49ª brigata Garibaldi.
  • Fondo Rognetta Benedetto. Cospicua serie sulla visita di Hitler in Italia, ( 162 fotogrammi di negativi e provini a stampa).
  • Fondo Rostan Lucetta. Fotografie relative ad aspetti del regime fascista a Torre Pellice.
  • Fondo Sacco Marisa. Documenti fotografici sul progetto, la costruzione, l’inaugurazione del Colle della Resistenza a Bossolasco.
  • Fondo Salerno Gabriele. Consta di sette album di fotografie che documentano momenti della vita del Psi durante la segreteria di Bettino Craxi; vi sono immagini di celebrazioni, riunioni della segreteria torinese del partito, congressi, convegni e conferenze, dal 1977 al 1983.
  • Fondo Serloreti Fiorella. Fotografie di Gastone Serloreti, vice comandante dell’Upi della Gnr di via Asti (Torino).
  • Fondo Sotgiu Giovanni. 11 fotografie con negativi
  • Fondo Torino in guerra. Circa 300 immagini provenienti da archivi pubblici e privati torinesi, selezionate per l’allestimento della mostra del 1995.
  • Fondo Valente Silvio: serie fotografica costituita da due album.
  • Fondo Vasari Bruno: documenti fotografici relativi alla deportazione e ai campi di sterminio.
  • Fondo Vicari Giuseppina. Album fotografico sui funerali di Michele Vicari, partigiano caduto alla vigilia della liberazione di Torino.
  • Fondo Vita Finzi Emilio. Album fotografici relativi alla deportazione nei campi nazisti; (162 fotografie).
  • Fondo Zaro Mario (2 Fotografie della manifestazione per la liberazione a Pinerolo il 1° maggio 1945).
Archivio manifesti e volantini

I manifesti conservati nel nostro archivio fanno parte di diversi fondi che qui elenchiamo.

Archivio sonoro

L’archivio sonoro ha oggi una consistenza di oltre 1300 unità. Le registrazioni più antiche risalgono al 1967, raccolte da Claudio Dellavalle e Romolo Gobbi nell’ambito di una ricerca sul movimento operaio torinese nella resistenza.
Ad esse si sono aggiunte quelle realizzate durante ricerche promosse dall’Istituto negli anni successivi, tra le quali segnaliamo la serie riguardante le testimonianze sull’esperienza femminile della guerra, frutto del lavoro sul campo delle ricercatrici guidate da Anna Bravo nella ricerca “Storia e memoria femminile nella seconda guerra mondiale“.

Altri fondi sonori sono stati acquisiti per donazione:

  • Di particolare importanza è l’Archivio della deportazione piemontese (Adp), depositato presso l’Istituto dall’Associazione ex deportati, ricco di 223 interviste di sopravvissuti ai campi di deportazione nazisti e registrate sotto la guida di Anna Bravo e Daniele Jallà tra il 1982 e il 1984 nell’ambito di una ricerca condotta dagli Istituti della resistenza del Piemonte e dall’Università di Torino, promossa dall’Aned con il finanziamento del Consiglio regionale del Piemonte.
  • Fondo Dall’Antifascismo alla Resistenza. Documenti sonori sul ciclo di lezioni, organizzato nel 1960 da Franco Antonicelli, rivolto ai giovani e intitolato “Trent’anni di storia italiana (1915-1945)”. Gli incontri, svoltisi a Torino tra aprile e giugno 1960 e costituiti da lezioni/testimonianze di personaggi di spicco della guerra di Liberazione ebbero come temi conduttori la storia dell’antifascismo e della Resistenza.
  • Fondo Antoniello Donato. Interviste sul movimento operaio a Torino nel secondo dopoguerra con documenti allegati.
  • Fondo Borghetti Fulvio. Riguarda l’aiuto agli ex prigionieri alleati da parte delle popolazioni dopo l’8 settembre 1943.
  • Fondo Berruto Giuseppe. Testimonianza sulla deportazione.
  • Fondo Dellavalle Claudio. Testimonianze sulla Resistenza nelle valli di Susa e Sangone.
  • Fondo De Luna Giovanni. Costituito da due raccolte. Nella serie Voci di guerra si trovano materiali sonori riprodotti dagli archivi radiofonici italiani, tedeschi, inglesi e americani sulla seconda guerra mondiale. La serie 1968 è costituita da materiali sonori riprodotti dagli archivi radiofonici tedeschi sui movimenti del 1968. La serie Diario Italiano, costituita da 7 Cd audio contenenti clips di registrazioni di trasmissioni radiofoniche.
  • Fondo Donne guerra e memoria.
  • Fondo Guidetti Serra Bianca. Raccolta di testimonianze pubblicate nel volume Compagne. Testimonianze di partecipazione politica femminile, edito da Einaudi nel 1977.
  • Fondo Isrp. Miscellanea discografica. Collezione di dischi in vinile. Canzoni e canti popolari, canto storici, lezioni e discorsi.
  • Fondo Isrp. Interviste. (circa 80 audiocassette).
  • Fondo Lavoratori italiani in Germania. Serie di testimonianze di lavoratori italiani in Germania tra il 1938 e il 1943, versata da Brunello Mantelli.
  • Fondo Liberazione di Torino. Testimonianze registrate presso l’Anpi di Torino, raccolte da Gigi Padovani e Carlo Ferri.
  • Fondo Miscellanea registrazioni antiche : fondo costituito da testimonianze, convegni, canti. (27 bobine, 64 nastri magnetici)
  • Fondo Miletto Enrico. Questo interessante fondo di ricerca è costituito da circa 30 interviste ad ex profughi giuliano-dalmati sul tema dell’esodo istriano.
  • Fondo Movimento operaio torinese e Resistenza (Dellavalle – Gobbi): 13 bobine, 9 nastri magnetici.
  • Fondo Perino Sette Laura. Interviste sugli episodi della Resistenza nelle valli di Lanzo (18 nastri magnetici).
  • Fondo Pocchiola Viter Maria Teresa. Interviste sulla condizione operaia e contadina a Pessinetto e Mezzenile.
  • Fondo Viganò Marino. Interviste ad Aminta Migliari.
Archivio video

Di più recente costituzione, l’archivio raccoglie, oltre ad interviste video realizzate nel corso di ricerche dell’Istituto sui luoghi della Resistenza, sulla guerra in città e sulla deportazione, i fondi seguenti:

  • Fondo De Luna Giovanni: si tratta di oltre 200 videocassette relative a programmi televisivi e documentari riguardanti la storia contemporanea, trasmessi dalle reti Rai e dalle altre reti negli ultimi anni.
  • Fondo Imageduc: l’Istituto è partner italiano del progetto europeo di educazione all’immagine; nell’ambito di questo progetto ha partecipato alla realizzazione dell’Osservatorio europeo sull’informazione, conducendo la rilevazione per quattro mesi delle notizie trasmesse dai telegiornali (i particolare sulla guerra in Iraq). Ne è derivato un cospicuo archivio di lavoro, di circa 250 videocassette.
  • Fondo Istoreto. Attività
    Serie Trasmissioni televisive
    Serie Torino 38-48. Dalle leggi razziali alla Costituzione. Video interviste.
    Serie Videointerviste Val Chisone 1940-1945
    Serie Parole di donne
    Serie Memorie per il Museo Diffuso
  • Fondo Shoah e didattica: serie di video prodotti da istituti scolastici e di trasmissioni televisive sul tema della deportazione.
  • Fondo Storia e storie tra memoria e territorio .
  • Fondo Anpi di Venaria. Interviste.

L’archivio video è in corso di inventariazione.

Archivio oggetti e cimeli

Gli oggetti conservati nel nostro archivio fanno parte di diversi fondi che qui elenchiamo.

Continuando a navigare nel sito, si è d'accordo con l'uso dei cookie più informazioni

Le impostazioni di questo sito web sono predisposte per "permettere ai cookie" di offrirvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continuate nella navigazione senza modificare le vostre impostazioni dei cookie o cliccate sul pulsante "accetto" più in basso, allora acconsentite alla suddetta "cookie policy".
Altre informazioni alla nostra pagina sulla EU cookie law

Chiudi

Con il contributo di