Regolamento

REGOLAMENTO della BIBLIOTECA

Art. 1

Definizione e finalità :
Nell’ambito dell’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea ‘Giorgio Agosti’ e ai sensi dell’art. 1 della L.R. 19 dicembre 1978 n. 78 recante norme per l’istituzione ed il funzionamento delle biblioteche pubbliche di enti locali o di interesse locale è istituita una biblioteca che:

» raccoglie, conserva e diffonde materiale bibliografico e audiovisivo relativo alla storia contemporanea
» assicura un servizio generalizzato di informazione e consultazione a tutti i cittadini, con particolare attenzione al mondo della scuola;
» contribuisce, attraverso iniziative di promozione culturale, a perseguire gli scopi definiti dallo Statuto dell’istituto a cui appartiene;
» collabora con le biblioteche degli Istituti della Resistenza e della società contemporanea piemontesi, anche attraverso un coordinamento dei bibliotecari e con le altre biblioteche pubbliche nel quadro della convenzione di adesione al Sistema bibliotecario nazionale, Polo piemontese, stipulata dagli stessi Istituti con la Regione Piemonte;
» adotta ogni provvedimento o accordo o convenzione necessari al fine di diffondere e valorizzare il proprio patrimonio librario e documentario

Art. 2

Patrimonio :
La biblioteca accresce il proprio patrimonio bibliografico e documentario attraverso acquisti diretti, attivando procedure di scambio con enti e istituzioni nazionali e straniere o mediante acquisizione di fondi pubblici e privati o da acquisti presso librerie antiquarie.
La biblioteca conserva, integra e accresce le raccolte di pubblicazioni periodiche nazionali e straniere, con particolare attenzione all’ambito scientifico considerato (storia e società contemporanea)
Raccoglie altresì materiale librario e non (video cassette, CD ROM, DVD ecc.), periodici, testimonianze orali e scritte che documentino in particolare la storia dell’antifascismo, della seconda guerra mondiale, della resistenza, della deportazione e del secondo dopoguerra, in Piemonte, Italia ed Europa.

Art. 3

Organizzazione :
Il materiale librario della biblioteca, data la specificità della medesima, è suddiviso in quattro sezioni (Resistenza, Antifascismo, Italia ed Europa nel secondo dopoguerra, Opere di referenza generale), a loro volta suddivise in sottosezioni specifiche.
Al suo interno, la biblioteca incrementa, sia per la maggior produzione editoriale, sia per gli interessi suscitati da convegni, ricerche e seminari, sezioni legate a particolari argomenti come : scrittura personale, memorialistica, museografia, presenza della donna nella società del novecento ecc.
I fondi vengono conservati integralmente al fine di evidenziare il percorso culturale del donatore. Se presentano una consistenza media (fino a 2000 volumi) vengono catalogati con una collocazione distintiva alfanumerica.
Per i fondi oltre i 2000 volumi e quindi di consistenza e significato notevoli, viene assegnata anche una serie inventariale contraddistinta da un preinventario di tre lettere.

Art. 4

Servizi in sede
Apertura e chiusura
La biblioteca garantisce un’apertura all’utenza non inferiore alle 35 ore settimanali. Per l’orario, l’organigramma dei responsabili e tutte le altre informazioni consultare il sito web: www.istoreto.it/biblioteca.htm
Oltre le normali chiusure per feste o ferie del personale, il responsabile della biblioteca può disporre la chiusura al pubblico della medesima per non più di 30 giorni nel corso dell’anno. Durante tale chiusura, che ha carattere eccezionale per effettuare interventi di riordinamento e revisione, nonché di riorganizzazione conservazione o restauro del proprio patrimonio o di parte di esso, vengono però assicurati almeno i servizi di informazione e consultazione, anche se ad orario ridotto
Lettura e consultazione
La biblioteca dell’Istituto assicura la presenza di spazi destinati alla lettura e alla consultazione del materiale bibliografico e garantisce un regolare servizio di assistenza e di informazione al pubblico.
Al fine di favorire l’informazione dell’utenza la biblioteca mette a disposizione della medesima:

• quattro terminali per la consultazione in Internet (Librinlinea, OPAC SBN)
• un archivio elettronico (ErasmoNET) consultabile attraverso il sito Web dell’Istituto (www.istoreto.it/biblioteca.htm), in cui è inserito tutto il materiale librario e non, posseduto dalla biblioteca
• fotocopiatrice per formati A4 e A3
• scanner per originali in formato A4 dotato di programma OCR/ICR
• l’assistenza dei bibliotecari e di esperti di storia contemporanea in grado di guidare il ricercatore, ove se ne presenti la necessità,
• l’elaborazione, attraverso il sistema ErasmoNET di:

» bibliografie di autori o titoli attraverso la funzione di interrogazione autori-soggetti o per parole chiave dell’Information Retrieval
» bibliografie di argomenti o fondi attraverso la collocazione o la serie inventariale
» la biblioteca può altresì elaborare cataloghi speciali, per esempio bibliografie ragionate tematiche, secondo particolari esigenze dell’utenza.

Al fine di tutelare il proprio patrimonio, l’utenza viene informata sulle norme di consultazione e sul corretto utilizzo del materiale richiesto, in modo da evitare eventuali danni al patrimonio stesso.
I manoscritti e i documenti rari o di pregio vengono dati in lettura uno per volta, salvo motivate esigenze di studio. Devono, inoltre, essere consultati con idonee e necessarie cautele per assicurarne la salvaguardia, in ogni caso l’utente deve riconsegnare all’assistente il documento avuto in lettura ogni volta che si allontani dalla sala anche per breve tempo.
La visione e la consultazione del materiale raro e di pregio deve essere concessa previa autorizzazione del responsabile della biblioteca, il quale può negarne la concessione per motivate ragioni di salvaguardia e conservazione.
Il responsabile può escludere dalla biblioteca, per un periodo di tempo determinato, chi trasgredisce le norme del presente regolamento.

Art. 5

Prestito individuale*
La biblioteca attualmente non pratica il prestito individuale esterno, sia per l’unicità delle proprie raccolte, sia per la cronica scarsità di personale che rende impossibile un serio controllo sulle scadenze e le restituzioni.
Viene messa a disposizione dello studente, a prezzo di costo, una macchina per la fotocopia parziale dei volumi, nel rispetto delle vigenti disposizioni di legge in materia di diritto d’autore.

*Da settembre 2016 è attivo il servizio di prestito esterno per i volumi monografici moderni non sottoposti a vincoli specifici e in buono stato di conservazione.

Art. 6

Prestito interbibliotecario
La biblioteca si impegna ad attuare il prestito interbibliotecario, nazionale ed internazionale, quando la lontananza non permette all’utente una consultazione in loco e quando la copia richiesta non presenti particolari caratteristiche di pregio o antiquariato. Accetta i vantaggi e gli oneri della reciprocità, impegnandosi a rispettare le norme che regolano il servizio.
La biblioteca ricevente è responsabile della buona conservazione e della tempestiva restituzione dei documenti ricevuti ; le spese relative al prestito interbibliotecario sono a carico dell’utente.
Il responsabile della biblioteca può sospendere il prestito interbibliotecario nei confronti di quei soggetti che si siano resi responsabili di ripetute e gravi inosservanze delle norme che regolano il servizio, e deve richiedere il risarcimento, che verrà stabilito secondo le situazioni, in caso di danneggiamento o di mancata restituzione dei documenti prestati.

Art. 7

Schedatura e cataloghi
La biblioteca si impegna a catalogare il proprio patrimonio bibliografico ad opera di personale specializzato, secondo le norme catalografiche in vigore e nel rispetto degli standard adottati dal Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN) a cui aderisce.
Dispone di quattro postazioni di lavoro in SBN ed in ErasmoNET e altri quattro sono a disposizione dell’utenza per la consultazione in OPAC o Internet.
La biblioteca può altresì approntare cataloghi speciali, per esempio bibliografie ragionate tematiche tenendo, comunque, sempre conto delle eventuali esigenze dell’utenza.
Sul frontespizio di ciascuno dei documenti conservati nella biblioteca viene apposto un timbro o, in mancanza del frontespizio, sulla prima pagina ed inoltre su una o più pagine convenute del documento. Il tipo, il colore, le dimensioni e la posizione del timbro devono essere tali da non pregiudicare l’estetica, la conservazione e l’uso del documento e dell’oggetto.

Art. 8

Altri servizi
I servizi aggiuntivi sono offerti a pagamento al pubblico ai sensi della normativa vigente. Si considerano servizi aggiuntivi:

a) la fornitura di riproduzioni in fotocopia o, in caso di specifica richiesta, tramite scansione, nel rispetto delle vigenti disposizioni di legge in materia di diritti d’autore;
b) ricerche in Internet e su Opac.

È possibile la riproduzione dei documenti posseduti dalla biblioteca previa autorizzazione del responsabile. L’autorizzazione viene infatti concessa quando lo stato di conservazione del materiale lo consente, nel rispetto della vigente legislazione sul diritto di autore. Le spese sostenute per l’erogazione di tale servizio sono a carico dell’utente.
E’ cura del responsabile della biblioteca la corretta osservanza delle norme in proposito e la tutela del materiale per il quale viene richiesta la riproduzione.
E’ cura del responsabile della biblioteca verificare che il tipo di riproduzione sia il più adatto al materiale richiesto e che l’intero procedimento sia attuato con le dovute cautele, onde evitare deterioramenti o danni al materiale stesso.

Il presente regolamento è stato approvato dal Consiglio direttivo dell’Istituto nella seduta del 20 marzo 2001.

Continuando a navigare nel sito, si è d'accordo con l'uso dei cookie più informazioni

Le impostazioni di questo sito web sono predisposte per "permettere ai cookie" di offrirvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continuate nella navigazione senza modificare le vostre impostazioni dei cookie o cliccate sul pulsante "accetto" più in basso, allora acconsentite alla suddetta "cookie policy".
Altre informazioni alla nostra pagina sulla EU cookie law

Chiudi

Con il contributo di